La sedeUn luogo di accoglienza, di sosta, di incontri programmati e confronto di idee

Ca’ Romanino, sede prima dell’Associazione ora della Fondazione, sorge in cima a un colle a circa 7 km. a nord di Urbino: la si raggiunge per una strada poderale che si stacca dalla provinciale Feltresca. L’edificio è stato progettato nel 1967 dall’architetto Giancarlo De Carlo per gli amici Sichirollo, in una delle aree di alta qualità ambientale e paesaggistica ancora esistenti nel territorio urbinate, come luogo di temporanei soggiorni con amici.
 E’ stata a lungo meta di turisti, soprattutto stranieri attratti dalla fama di De Carlo, e base per gli amici, felici di soggiornare in una casa progettata dall’architetto autore della profonda trasformazione in atto nella Città Ducale.

Dal 2002 (anno di fondazione dell’Associazione) Ca’ Romanino è diventata luogo, oltre che di accoglienza e di sosta, di incontri programmati, di scambio di idee ed elaborazione di progetti intesi a valorizzare il contributo dell’opera di De Carlo all’eccezionale patrimonio storico e artistico di Urbino. Nel 2010 ha visto riuniti quanti hanno partecipato all’ideazione e alla realizzazione del libro Ca’ Romanino Una casa di Giancarlo De Carlo a Urbino, che ha suscitato in un ampio pubblico, di architetti e non, interesse a visitare la casa e a godere dello straordinario contesto paesaggistico in cui è inserita, della sintonia di questa architettura con lo spirito del luogo.

Ora che è sede della Fondazione, ospita le persone interessate a temporanee soste (24 ore), è visitata da studenti e docenti di Università italiane e straniere (RI-LEGGERE), è LUOGO di convegni e seminari di studio, organizzati a livello internazionale, sulla città e l’architettura contemporanea, a partire dall’opera e dal pensiero di Giancarlo De Carlo.

Il LUOGO E’ SPECIALE e ci proponiamo di Conservarlo. 
Il verde e la vigna sono oggetto delle cure quotidiane di Remo, vigile custode, e lo stato di salute dell’edificio, già fatto oggetto di studio in una tesi di laurea al Politecnico di Torino°, è ora sotto controllo in attesa di raccogliere i fondi necessari ai lavori di ripristino e riqualificazione…

Aiutatetici anche voi ad assicurargli un futuro diventando partecipanti.

 (°) Elisa Cavagliato  “Qualità energetica e conservazione del Moderno” Politecnico di Torino 2012

Diventa Partecipante